Insegnare ai vostri figli a viaggiare leggeri

Io, Eva e i nostri cinque ragazzi (il sesto è al college) siamo appena tornati da un bellissimo viaggio di 4 giorni a San Diego e, invece di essere esausti dal viaggio stancante, siamo tornati con il sorriso sulle labbra. Tutto questo nonostante quattro giorni passati a camminare per ore a esplorare, a girare dappertutto, a costruire castelli di sabbia sulla spiaggia sotto al sole e a prendere treni e aerei.

Il nostro segreto erano i bagagli leggeri.

È già da un po’ che viaggio leggero. L’anno scorso ho fatto tre viaggi con un solo cambio di vestiti, un libro e un macBook Air da 11 pollici, il deodorante e lo spazzolino (3 giorni a Portlandd, un mese in Guam e 10 giorni a New York City).

Considero bellissimo il fatto che i nostri figli abbiano imparato a viaggiare leggeri. Ma come ci siamo arrivati?

Ci stiamo lavorando già da qualche anno. Siamo stati a Tokyo nel 2009 con uno zaino a testa, e sempre con uno zaino a testa ci siamo trasferiti dal Guam a San Francisco nel 2010; poi, abbiamo fatto un viaggio di un mese, ancora con uno zaino a testa. In tutti questi casi, gli zaini erano piani di vestiti, computer e alcuni gadget.

Quest’anno ci siamo seduti tutti attorno a una tavola e abbiamo pensato di viaggiare ancora più leggeri. Ho raccontato alla mia famiglia i miei esperimenti e quanto mi siano piaciuti. Ho spiegato loro che portare valigie pesanti e trolley in giro per l’aeroporto, per le stazioni e su e giù da treni e autobus, oltre che dentro e fuori da stanze in affitto… può essere fisicamente dura. Rimanere leggeri è bellissimo quando si viaggia.

Tutti sono stati immediatamente d’accordo, quindi abbiamo deciso di farlo. Questo viaggio a San Diego, per la cronaca, è stato una prova per il viaggio di tre settimane nel sud dell’Europa (Italia, Francia del sud e Barcellona) di quest’estate, per il quale stiamo pensando di viaggiare leggeri. Il test è andato a meraviglia.

Ecco cosa c’era nei nostri zaini:

  • 1 t-shirt
  • 2 cambi di intimo
  • 2 paia di calzini
  • 1 paio di pantaloncini
  • deodorante e dentifricio
  • un libro
  • i bambini avevano un iPod o un Nintendo DS con il caricabatterie.

Tutto qui. In aggiunta, tutti avevamo addosso un paio di jeans, una t-shirt, intimo, calzini, scarpe e un maglioncino leggero. I bagagli erano incredibilmente leggeri e stavano comodamente sotto ai sedili davanti a noi dell’aereo, oltre a non pesare quasi nulla. Io ero l’unico con un computer portatile (un MacBook Air da 11 pollici), ma l’ho usato solo per una mezz’ora al giorno.

Indossavamo i pantaloni corti di sera e i spiaggia, lavavamo i vestiti prima di andare a letto (io lavavo a mano, ma Eva usava la lavatrice e l’asciugatrice che c’erano nella casa che abbiamo affittato). Non abbiamo avuto nessun problema.

I due figli più piccoli, per la cronaca, hanno portato i loro piccoli zaini, senza alcun problema visto il peso prossimo allo zero.

I ragazzi hanno decretato che l’esperienza con i bagagli leggeri è stata grandiosa e che questo esperimento (di quattro giorni) li ha aiutati a capire che avremmo potuto fare la stessa cosa per tre settimane in Europa, la prossima estate.

Io sono convinto del viaggiare leggeri, ovviamente, ma sono felicissimo di sapere che piace anche ai miei figli.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: