Non è troppo tardi per cambiare le vostre abitudini

Di recente, una lettrice non più giovanissima mi ha scritto chiedendomi come fare per cambiare le sue cattive abitudini ormai radicate. Quello che mi ha chiesto è: “È troppo tardi per cambiare?”

Posso capire come si senta. Continuare per anni e anni con le solite cattive abitudini le radica profondamente, e sradicarle può sembrare qualcosa di impossibile.

Mi è capitato di sentire profondamente il peso di qualche cattiva abitudine, e la cosa mi ha trasmesso un senso di soffocamento. Mi sentivo come una persona senza speranza, come se non avessi il controllo di me stesso, ed ero così scoraggiato da non riuscire nemmeno a provare a cambiare tale abitudine.

È proprio lo scoraggiamento la chiave di tutto: cambiare una cattiva abitudine non è impossibile ma, se siamo talmente scoraggiati da non provarci nemmeno, non riusciremo mai a farcela. Provarci e non riuscirci può succedere, ma non provarci nemmeno è fatale se si vuole provare a cambiare qualcosa.

E quello che voglio dirvi è che cambiare una cattiva abitudine non è impossibile. Non importa da quanto tempo ce l’abbiate, fossero anche decine di anni.

Potete farlo. Sì, proprio voi. Facendo un solo passo.

Ecco come.

Sappiate, appena iniziate, che non state spostando una montagna. Non dovete cambiare anni di comportamenti sbagliati. Quelli ormai sono andati, evaporati nell’etere, e potete dimenticarvene. Perdonate voi stessi e dimenticate loro. Non avete bisogno di correre una maratona per cambiare un’abitudine. dovete solo fare un primo passo. E di sicuro potete farlo.

Considerate, per un momento, la vostra cattiva abitudine. Potreste averne decine, ma sceglietene una semplice. Non quella che vi terrorizza di più,una che pensate di poter eliminare. Fate un passo indietro e pensate a questa abitudine. Quando e cosa la fa scattare – lo stress, il cibo, il bere, il socializzare, la noia, la tristezza, svegliarsi, essere criticati? Qual è il vuoto che questa abitudine va a colmare? Rendetevi conto che questa abitudine esiste a causa di una reale necessità, ed è questo il motivo per cui non riuscite a liberarvene.

Rendetevi conto di una cosa: non avete bisogno di questa abitudine per colmare tale necessità. Non ne avete bisogno. Potete gestire lo stress in altri modi, più salutari. Potete battere la noia. Potete reagire. Non avete bisogno di tale abitudine e, con la pratica, potrete impararne di migliori.

A questo punto potreste sentirvi un po’ sopraffatti da tutto questo, ma avete superato la parte più difficile. Ora dovete solo fare un altro piccolo passo.

Impegnatevi per fare un minuscolo, insignificante ma potentissimo passetto ogni giorno. Impegnatevi completamente, non a metà. Impegnatevi scrivendo quello che volete fare e attaccandolo sul muro. Impegnatevi dicendo a un amico cosa volete fare e chiedendo aiuto. Impegnatevi scrivendolo su Facebook, Twitter, Google+, sul vostro blog, in un forum che frequentate. Metteteci tutti voi stessi.

Trovate un’abitudine sostitutiva. Un’abitudine che sia più salutare. Un’abitudine che soddisfi la necessità che avete. Che sia semplice. Che potete far scattare al posto della precedente quando ne sentite la necessità. Che vi diverta e che moriate dalla voglia di fare. Se quello di cui avete bisogno è, ad esempio, alleviare lo stress, provate a camminare, a fare esercizio, a fare respiri profondi o a farvi un massaggio.

Adesso siete pronti per uscire dalla vostra trincea. Ricordate, solo un piccolo passo.

Notate l’urgenza che avete di far scattare quell’abitudine. Fate una pausa. Resistete, lasciando che il momento di urgenza passi, poi date spazio alla nuova abitudine.

Ripetete quanto sopra: lasciate passare, non fate niente e poi spazio alla nuova abitudine. A volte potreste non riuscirci, ma non importa. Migliorerete con la pratica.

Fate pratica ogni volta che potete, ogni giorno. Diventerete bravissimi. Non preoccupatevi del tempo che ci vorrà. Continuate.

Quelli descritti sopra sono semplici passi che non richiedono molto impegno. Potete metterli in atto mentre siete seduti a leggere questo post.

Non è mai troppo tardi per cambiare. Non c’è cattiva abitudine che non possa essere sostituita a partire da un primo, semplice passo. Fatelo oggi, quel primo, semplice passo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: