Una semplicissima guida per tenere un diario

Devo confessarlo: non sono mai stato bravo a tenere un diario. Fino a quest’anno.

È sempre stata una cosa che avrei voluto fare con regolarità, e negli anni ho provato a tenere diari in molte forme diverse. Ho “parti” di diario in vari quaderni o file ma, sebbene siano interessanti, sono più che altro un simbolo del fallimento dell’idea di tenere un diario.

Ma quest’anno è stato diverso. Ho iniziato il 3 gennaio e, da 3 mesi a questa parte, ho scritto qualcosa ogni giorno. Non è un granché, ma è sempre sei volte di più di quanto ho mai fatto prima, e a questo punto penso di continuare a farlo per qualche altro mese.

Cos’è cambiato? Ho stabilito qualche “trucco” per fare sì che tenere un diario sia semplice.

Le mie regole per tenere un diario

Quello che volevo ottenere è riuscire a tenere un diario in maniera semplice, quindi mi sono dato delle regole che, per me, hanno funzionato benissimo:

  1. Scrivo solo elenchi di cose. Non scrivo frasi lunghe, solo liste di cose importanti o interessanti successe durante il giorno. Di media ne scrivo 2 o 3, a volte arrivo a 5 o 6. Metto insieme cose personali e cose di lavoro. Tenendo il diario di ogni giorno corto e semplice, aggiornarlo è semplice e non ho scuse: mi servono solo pochi minuti.
  2. Tengo il quaderno dove non posso non vederlo. Metto il quaderno dove bevo il caffè di mattina. Sto usando una vecchia Moleskine che ho trovato in un cassetto, che ho iniziato a usare come diario 4 anni fa, quando sono andato in Thailandia con Eva. Non importa cosa usate come diario, ma ho notato che un diario fisico funziona meglio di tenere il diario in un file, perché con il computer tendo a dimenticarmi o a essere distratto da altre cose (dannata internet!). Quando vedo il diario mentre mi siedo a bere il caffè, mi ricordo di scriverci. Per la cronaca, ammetto di aver dimenticato il diario quando ho cambiato la mia routine mattutina e ho iniziato a bere il caffè sul divano invece che alla scrivania: il diario è rimasto là e me ne sono dimenticato per più di una settimana. Ho dovuto recuperare i giorni persi, e non è stato facile. E questo mi ha portato alla prossima regola.
  3. Non dimenticate di tenere il diario per più di 2 giorni. Una volta sono rimasto indietro di due settimane e, quando ho dovuto rimediare, è stata dura ricordare cos’ho fatto. Mi è successo un altro paio di volte, di solito perché la mia routine è cambiata, e ho scoperto che guardare email e calendario mi aiuta a recuperare le cose principali che ho fatto durante una giornata. Ma è molto meglio scrivere già il giorno dopo, quando tutto è ancora fresco. Vanno bene anche un paio di giorni, invece dopo tre si iniziano a dimenticare e mischiare alcune cose. Quindi, se non scrivete ogni giorno, fate sempre attenzione a non farlo dopo 3 o più giorni.

Questo è quanto. Per me queste tre regole funzionano benissimo e mi hanno aiutato a tenere il diario negli ultimi 7 mesi.

Consigli bonus

Eccovi altri consigli (alcuni dei quali sono già venuti fuori nei paragrafi precedenti):

  • I quaderni fisici sono migliori dei computer, visto che i computer sono fonte di distrazione. A me piace anche l’atto fisico dello scrivere con la penna su carta, cosa che in questi tempi faccio pochissimo. Detto questo, se voi preferite un computer, fate le cose semplici: meglio dei file di testo che un programma dedicato, visto che i file di testo sono più o meno eterni mentre alcuni formati di dati possono diventare obsoleti e illeggibili se il programma non viene più sviluppato.
  • Non importa cosa utilizziate. Io uso una Moleskine con copertina morbida. Ne uso anche una con copertina rigida, che uso per gli allenamenti e che ho già dallo scorso anno, così da poter vedere i miei progressi. Questi sono gli unici strumenti che ho. Ne ho usati altri e funzionano. Ma mi piacciono quelli piccoli e tascabili perché sono semplici da portare in giro se volete aggiornare il vostro diario in treno (cosa che non faccio molto) e non volete che vi porti via troppo spazio.
  • Aggiornate il diario prima di sedervi al computer, la mattina. Riassumete il giorno precedente. Se la prima cosa che fate è mettervi al computer, vi dimenticherete il diario.
  • Se vi dimenticate di aggiornare il diario per qualche giorno, utilizzate il calendario e le email per ricordarvi cosa avete fatto.
  • Ricordate: niente lungaggini! Basta un elenco delle cose più importanti che avete fatto. Ecco un esempio: 1. palestra – fine della settimana 6; 2. ho preparato la bozza di un post; 3. ho scritto un post su mnmlist; 4. ho fatto la spesa, preso i regali e le decorazioni per il compleanno di Noelle & Chloe.
  • Mi piace la possibilità di andare indietro con le pagine e vedere quali sono state le cose più importanti di ogni giorno; questo mi aiuta a capire se mi sono concentrato su cose importanti o se ho sprecato la giornata.

Vi raccomando di tenere un diario. Serve solo qualche minuto al giorno e poter guardare indietro nella vostra vita è qualcosa di profondamente interessante.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: