Come creare il Muscolo del Cambiamento

Quando tentate di cambiare qualcosa nella vostra vita, quando create una nuova abitudine, quando prendete una decisione… vi viene bene, o dopo 2 o 3 settimane non è cambiato niente?

Alcuni sono più bravi di altri perché hanno imparato alcune semplici strategie per cambiare, ma anche perché hanno creato il muscolo del cambiamento.

Ma cos’è un muscolo del cambiamento? È il muscolo che utilizziamo per creare i cambiamenti nella nostre vite e, come tutti gli altri muscoli, è debole se non è allenato.

Io ho iniziato ad allenare il mio muscolo del cambiamento nel 2005, quando ero debole e non riuscivo a rendere duraturo alcun cambiamento.

Ma, negli anni, ho imparato che quel muscolo è identico agli altri: all’inizio può essere debole, ma si rafforza con un regolare esercizio.

Immaginate di alzare un bilanciere da 150 chili. Se non siete abituati a sollevare carichi, anche alzarlo di qualche centimetro da terra è un’impresa impossibile. Vi potreste sforzare fino a farvi esplodere una vena ma non riuscireste a muoverlo. Ma, se iniziaste con il solo bilanciere senza pesi, probabilmente ce la fareste. Poi aggiungete 4 o 5 chili per ogni lato, e i vostri muscoli si rafforzeranno. Continuate ad aggiungere un po’ di peso alla volta e presto riuscirete ad alzare quei 150 chili che una volta sembravano troppi.

Il muscolo del cambiamento funziona allo stesso modo. Più ho imparato sui muscoli del corpo, più mi rendo conto di quanti parallelismi ci siano con il muscolo del cambiamento.

I principi della crescita

I principi tramite cui far crescere il muscolo dei cambiamenti sono simili a quelli usati per i muscoli del corpo:

  • Iniziate con poco. Se provate subito ad alzare troppo peso, lo farete in modo scorretto e vi farete male. Ma se iniziate solo con il bilanciere o qualche altro peso leggero, potete imparare il movimento corretto che ripeterete anche con i carichi più pesanti. Il muscolo del cambiamento è identico: iniziate con colo un cambiamento, 5 minuti al giorno. Magari vorreste fare di più ma, se lo farete, probabilmente fallirete nel lungo periodo.
  • Fate esercizio con regolarità. Alcune persone vanno in palestra per una settimana, poi smettono, poi riprendono nel giro di qualche mese. È una perdita di tempo che non porta ad alcun progresso. Per fare progressi, invece, dovete farlo con regolarità. Stesso discorso con il muscolo del cambiamento: fatelo giornalmente, 5 minuti al giorno. Lo rafforzerete sempre di più, tramite l’esercizio regolare. Non buttatevi a capofitto per poi fallire dopo una o due settimane e iniziare di nuovo più tardi. La chiave di tutto è la ripetizione regolare.
  • Aumentate gradualmente il carico. Se non aumentate il carico, non vi rafforzate. Ma se lo aumentate troppo vi farete male. Con il muscolo del cambiamento, aumentate l’allenamento di 5 minuti ogni settimana: quindi 5 minuti al giorno per la prima settimana, 10 per la seconda e così via. È incredibile come il muscolo del cambiamento possa crescere con l’aumento progressivo del carico.
  • Riposate. La maggior parte delle persone non capisce l’importanza del riposo legato all’allenamento. Ci si allena, si riposa e si cresce. Se non si riposa non si progredisce. Far crescere il muscolo del cambiamento è la stessa cosa: dovete allenarlo (solo per 5 minuti al giorno, all’inizio) e poi riposarvi. Non provate a mettere in atto il vostro primo cambiamento mentre state viaggiando o state gestendo qualche grande progetto, oppure se avete già qualche altro cambiamento in atto. Vi sovraccaricherete. Fate un solo cambiamento e continuate con la vostra solita routine giornaliera.
  • Benzina per la crescita. A parte quanto detto sopra, la “benzina” è uno degli aspetti più sottovalutati della crescita muscolare. Avete bisogno di un apporto sufficiente di calorie per crescere, altrimenti tutto l’allenamento del mondo non vi porterà da nessuna parte. E cos’è la benzina del muscolo della crescita? La motivazione. Trovate tutti i modi possibili per darvi motivazione: rendete piacevole il cambiamento, trovatevi un partner con cui farlo, unitevi a un gruppo, scrivetene sul vostro blog, iscrivetevi a un forum, datevi delle gratificazioni, festeggiate ogni piccola vittoria, create un grafico per tracciare i progressi e via di seguito. Più fate per motivarvi, meglio è. La maggior parte delle persone non dà benzina a sufficienza al muscolo del cambiamento.

I primi passi

Come iniziare quindi ad allenare il muscolo del cambiamento se è debole e non allenato? Allo stesso modo di come iniziereste con l’allenamento fisico: un po’ di esercizio al giorno.

Ecco cosa vi raccomando:

  • Scegliete un piccolo cambiamento che potete fare in 5 minuti. Giardinaggio? Fatene 5 minuti al giorno. Mettere in ordine? Mangiare frutta e verdura? Fare jogging o nuotare? Mediare? 5 minuti al giorno.
  • Fate in modo di godervi la nuova abitudine. Se lo fate vorrete continuare a farla per più tempo. Se invece la fate solo perché volete migliorare o perché “vi fa bene” o perché “dovete”, non andrete lontano.
  • Concentratevi sulla regolarità, non sulla velocità. Fate la stessa cosa ogni giorno, alla stessa ora.
  • Lasciate stare tutti gli altri cambiamenti concentrandovi solo su questo.
  • Usate la motivazione come benzina per il cambiamento. In questo caso, più è, meglio è.
  • Aumentate gradualmente aggiungendo 5 minuti ogni settimana.

Vi stupirete per quanti progressi riuscirete a fare con il passare del tempo, mentre il vostro muscolo del cambiamento si fortifica.

Tendiamo a dare la colpa dei nostri fallimenti alla mancanza di disciplina, ma difficilmente siamo indisciplinati: siamo solo fuori allenamento. Fate crescere il vostro muscolo del cambiamento in maniera intelligente, e presto sarete incredibili maestri del cambiamento.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: