La Via del genitore tranquillo

Non c’è niente di migliore di essere un genitore senza stress.

Un lettore mi ha chiesto di condividere il mio pensiero sull’argomento, da padre di sei figli. E, sebbene io abbia imparato molto sull’essere padre e sul trovare la gioia nell’esserlo, so anche che l’idea di un genitore senza stress è un mito.

I genitori saranno sempre stressati: non dobbiamo avere a che fare solo con capricci, ginocchia sbucciate e rifiuti a mangiare qualsiasi cosa cuciniamo, ma ci preoccupiamo di potenziali incidenti, del fatto che possiamo rovinare i nostri figli, del fatto che i nostri figli possano trovare la felicità da adulti, provvedere a loro stessi e trovare l’amore.

… e amava tantissimo un ragazzo, più di quanto amasse se stessa. ~ Shel Silverstein, The Giving Tree

Detto ciò, ho imparato che possiamo comunque trovare la pace.

La pace non è un luogo senza stress, ma un luogo dove lo stress si gestisce senza lasciare che ci domini: lo si lascia fluire, si sorride, si respira e si abbraccia il proprio figlio.

Esiste la Via del genitore tranquillo, ma è qualcosa che non ho ancora imparato del tutto. Condividerò quello che ho imparato fino a oggi, precisando che non lo seguo sempre alla lettera e che, ogni giorno, faccio qualche errore; ho ancora molto da imparare e che non pretendo di avere tutte le risposte.

La Via del genitore tranquillo

La Via del genitore tranquillo si impara solo percorrendola. Ecco gli step che vi raccomando:

  • Ogni mattina, salutate ognuno dei vostri figli con un sorriso, un abbraccio e un caloroso Buongiorno! È così che tutti noi vorremmo essere salutati ogni mattina.
  • Insegnate ai vostri figli a farsi la colazione. Questo vale per ogni bambino dai 3 ai 4 anni. Insegnate loro un po’ per volta a lavarsi i denti, a lavarsi, a pulire le loro stanze, a mettere via i vestiti, a lavarsi i piatti, a farsi il pranzo, a lavarsi i vestiti, a spazzare e pulire, eccetera.
  • Insegnare tutto questo richiede pazienza. All’inizio i bambini fanno tutto malissimo, quindi dovrete mostrare loro cento volte come fare, ma lasciate che provino, correggeteli e lasciate che sbaglino. Acquisiranno mano a mano l’indipendenza, e voi avrete sempre meno da fare per loro.
  • I figli più grandi possono aiutare i più piccoli: è bene che si responsabilizzino, e questo aiuta a togliervi un po’ di stress.
  • Leggete per loro. È un modo meraviglioso per creare un legame, per educare e per esplorare mondi immaginari.
  • Costruite fortini con loro. Giocate a nascondino. Sparatevi con le pistole giocattolo. Bevete un te assieme. Spremete i limoni e preparate la limonata. Giocate spesso, perché il gioco è l’essenza dell’infanzia. Non obbligateli a smettere di giocare.
  • Quando i vostri figli chiedono la vostra attenzione, dategliela.
  • Ma anche voi, come genitori, avete bisogno di passare del tempo da soli. Definite alcune prassi in modo da poter lavorare da soli, o per potere avere del tempo soli con il partner di sera, mentre i vostri figli possono fare qualcosa da soli.
  • Quando uno dei vostri figli è turbato, mettetevi nei suoi panni. Non limitatevi a giudicare il comportamento (sì, piangere e urlare non sono l’ideale), ma le necessità a monte del comportamento. Ha bisogno di un abbraccio, di attenzioni, o forse è solo stanco?
  • Siate i modelli di comportamento che volete che i vostri figli imparino. Non urlate a un bambino perché sta gridando. Non arrabbiatevi se si arrabbia. Non stranitevi se un figlio che vi vede sempre al computer vuole sempre giocare ai videogame. State calmi, sorridete, siate gentili, uscite e siate attivi.
  • Nei momenti di stress (capiteranno), imparate a gestirlo con un sorriso. Fate una battuta, girate la situazione in un gioco, ridete: insegnerete a vostro figlio a non prendere le cose troppo seriamente e che la vita è qualcosa che deve essere goduto. Respirate, fate due passi se avete perso la calma e tornate quando potrete sorridere.
  • Ricordate che che un figlio è un dono. Non sarà un bambino per tropo tempo, e il tempo da passare assieme volerà via. Ogni momento che potete passare assieme è un miracolo, e ve lo dovreste assaporare. Godetevelo fino in fondo, e siatene grati.
  • Lasciate che i vostri figli condividano i vostri interessi. Fate i biscotti assieme. Cucite assieme. Fate esercizi assieme. Leggete assieme. Lavorate su un sito web assieme. Scrivete un blog assieme.
  • Sappiate che se, da genitore, incasinate qualcosa, andrà comunque tutto bene. Perdonatevi. Chiedete scusa. Imparate da quello che è successo. In altre parole, siate il modello di comportamento che volete che vostro figlio impari e metta in atto quando fa qualche casino.
  • Insegnate con pazienza ai vostri figli i confini del comportamento. Dovrebbero esserci, a dividere quello che si può fare e quello che non si può. Non va bene fare cose che possano fare male a voi o agli altri. Si dovrebbero trattare tutti con rispetto. Queste sono cose che i bambini non imparano immediatamente, quindi abbiate pazienza, ma tracciate comunque i confini. All’interno di questi confini, date loro tutta la libertà che serve.
  • Lasciate spazio ai vostri figli. Troppo spesso i genitori riempiono di impegni le giornate dei figli (lezioni, sport, musica e via dicendo), ma queste sono una sorgente costante di stress sia per loro che per voi, che vi dovete assicurare che facciano tutto. Lasciate che escano a giocare! Il tempo libero è necessario. Inoltre, non dovete sempre essere al loro fianco: come voi, anche i vostri figli hanno bisogno dei loro momenti da soli.
  • Fate esercizio per combattere lo stress. Una corsa da soli può essere un toccasana. E anche un massaggio, di tanto in tanto.
  • Una cosa che aiuta tantissimo è fare team con l’altro genitore: uno si può occupare dei figli mentre l’altro si veste. Quando uno dei due inizia a perdere la pazienza, l’altro dovrebbe essere quello che lo calma.
  • Mamma e papà hanno bisogno di uscire assieme una volta a settimana. Prendete una babysitter o, meglio, insegnate ai figli più grandi a seguire i più piccoli.
  • Cantate e ballate assieme.
  • Prendete ogni opportunità per insegnare la gentilezza e l’amore. È la lezione migliore.
  • Date il bacio della buonanotte ai vostri figli. E ringraziate per un’altra bellissima giornata assieme al vostro meraviglioso, unico, pazzo figlio!

Sapete chi sono le uniche persone che sanno sempre qual è il modo migliore per crescere i figli? Quelle che non ne hanno mai avute. ~ Bill cosby

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: