Idee folli: la guida al “fate quello che volete”

Quando, più di cinque anni fa, ho scritto le prima parole di questo blog, non avevo idea di quanto mi avrebbero cambiato la vita.

Ricordo che non stavo facendo altro che riflettere sui cambiamenti della mia vita, condividendo un po’ di quello che avevo imparato con una manciata di amici. Pensavo che quel rumore di tasti sarebbe caduto nel vuoto, così com’era già successo a molti dei miei pensieri.

Non avrei mai immaginato che, un anno dopo, avrei avuto 26000 lettori (e 250000 persone abbonate al blog), che non avrei più avuto debiti, che avrei avuto il mio primo contratto di pubblicazione e che avrei serenamente rassegnato le dimissioni dal lavoro. Erano tutte cose al di fuori del regno delle possibilità.

E la cosa più importante è questa: escludiamo la possibilità di grandi cambiamenti perché non ci sembrano realistici. Per quasi vent’anni mi sono concentrato sul college e su un lavoro che a volte mi piaceva ma che spesso mi faceva paura. Iniziare il mio business personale, seguire i miei sogni, fare qualcosa che amavo? Idee folli.

Tutto quello che potete immaginare è reale ~ Pablo Picasso

E sono proprio idee folli quelle che vi darò oggi, nella speranza che almeno uno di voi riesca a espandere le proprie possibilità. Sì, è possibile: io l’ho fatto, tutto mentre facevo anche un lavoro a tempo pieno, scrivendo da freelance come lavoro secondario, con una moglie e sei figli. L’ho fatto, anche se non avrei mai osato nemmeno pesarci nei primi trent’anni della mia vita.

Non sono uno a cui piace dare indicazioni su quale carriera seguire o a cui piace insegnare a essere imprenditori online. Quindi non lo farò su queste pagine. Vi dirò solo questo: è possibile. Sì, è possibile; è davvero possibile. E qui condividerò quello che ho imparato sul fare quello che si ama, dividendolo in piccoli pezzi.

  • Se non pensate che sia possibile, fate un semplice, piccolo test. Pensate di non riuscire a mettere in piedi un blog? Fatevi un account su WordPress o Blogger e scrivete un breve post. Non dite a nessuno che l’avete fatto. Scrivete solo un post. Non vi costa niente, zero rischi, zero tempo. Ma vi renderete conto di essere capaci di fare una piccola cosa e, se passate questo test, capirete che la vostra teoria dell’impossibile è sbagliata. E questo lo potete fare con qualsiasi vostra capacità, non solo quella di bloggare.
  • Espandete il test. Se avete passato il primo test, fatene un altro, sempre piccolo. Poi un altro ancora. Continuate e notate come la vostra sicurezza aumenti. E le vostre capacità cresceranno di pari passo. È incredibilmente semplice. Ripetete e ripetete finché la cosa vi diverte.
  • Se non sapete cosa amate fare, non spaventatevi. Non c’è bisogno di saperlo da subito. Provate a fare qualcosa che sta facendo qualcun altro e cercate di capire se per voi è divertente. Il vero divertimento, per la cronaca, inizia quando iniziate a impratichirvi, quindi cercate di fare la stessa cosa per un po’ di tempo e godetevi i progressi, poi godetevi il fatto di essere diventati bravi. Se la prima cosa che avete scelto non vi entusiasma, provate con qualcos’altro. Non dovete fare sempre la stessa cosa per il resto della vostra vita. Potete farne dodici l’anno per dieci anni, se volete. Per allora, probabilmente avrete trovato la cosa giusta per voi.
  • Trovate l’ispirazione. Chi altro fa quello che anche voi amate fare? Chi sono quelli che si entusiasmano di più? Seguiteli. Imparate conoscerli. Guardate la strada che hanno percorso. Guardate da vicino come fanno le cose, cosa sanno fare bene. Imparate dai migliori.
  • Abbiate un mentore. Cercate di creare un punto di contatto con alcune fra le persone che vi ispirano di più. Se non vi rispondono, provatene altre. Vedete se riuscite a offrir loro un pranzo o un caffè. Chiedete il loro aiuto, dicendo che vi piacerebbe moltissimo che fossero il vostro mentore, ma in un modo che non porti via troppo tempo. Non chiedete molto tempo, ma andate da loro quando vi risulta ardua prendere decisioni difficili.
  • Scegliete una passione a caso. Molti hanno tantissimi interessi e non sanno da dove iniziare. Sceglietene uno o due a caso, se hanno più o meno tutti la stessa importanza, e iniziate. Non lasciate che le scelte vi paralizzino. Iniziate, perché alla fine non avrà importanza che abbiate o meno iniziato con la passione sbagliata: imparerete qualcosa di buono a prescindere.
  • Diventate bravi. Per diventare bravi a fare qualcosa serve pratica. Fate in modo che siano gli amici e la famiglia il vostro primo pubblico, i vostri primi lettori, i vostri primi clienti. Poi fate crescere pian piano il pubblico. Ma, se possibile, fate sempre in modo di avere un pubblico o dei clienti: imparerete più velocemente grazie al feedback e alla responsabilità che avrete. Informatevi leggendo sull’argomento. Guardate video. Fate lezioni. Unitevi a un altro gruppo di persone che stanno imparando. Cercate altre persone con cui fare squadra. Prima che sia passato molto tempo sarete diventati bravi.
  • Aiutate gli altri. Uno dei modi migliori per diventare bravi a fare qualcosa è aiutare gli altri a imparare. Migliorare la vita di qualcuno tramite qualcosa che avete imparato a fare è anche un modo bellissimo per essere soddisfatti di quello che fate, per amare quello che fate. Aiutate quante più persone possibile, in quanti più modi possibili. Ne sarete ripagati.
  • Trovate la vostra voce. Alla fine, diventando esperti in qualcosa, imparerete che siete diversi dagli altri che la fanno. Troverete il vostro punto di unicità. Non ci sarà da subito, perché potreste non avere le capacità tecniche appropriate per esprimervi. Ma, alla fine, troverete la vostra voce. Una volta che l’avete fatto, enfatizzatela.
  • Come potete fare qualcosa che ha valore? C’è qualcosa che sapete fare e che per gli altri ha valore? A volte è qualcosa di cui la gente ha davvero bisogno, a volte è fare qualcosa meglio degli altri. A volte è far risparmiare tempo e soldi alla gente. Altre volte è semplicemente rendere le vite degli altri più belle e più piacevoli.
  • Diventate esperti. Se diventate bravi a fare qualcosa e aiutate altra gente, se trovate la vostra voce, se fate qualcosa di valore, diventerete esperti in quello che fate. Altri verranno da voi per dei consigli. Aiutateli.
  • Vendete i vostri prodotti.Mi sono reso conto che il miglior modo per avere delle entrate è assolutamente vendere i vostri prodotti. Ho provato con banner e link di affiliazione e, sebbene non abbia niente contro di loro, quello che per me funziona meglio è vendere direttamente. Ho già dato prova ai miei lettori di essere una persona di valore, onesta e degna di fiducia, quindi sono più disposti ad acquistare qualcosa di mio piuttosto che qualcosa che consiglio ma che è fatto da altri. Ho quindi creato qualcosa di valore che aiuta gli altri, e lo vendo.
  • Non siate stupidi! Troppa gente online è ossessionata dal voler massimizzare il numero di iscritti o il numero di pageview del sito, tanto da diventare irrispettosi nei confronti dei loro lettori. Chiedete di cliccare “Pagina successiva” cinque volte per leggere un articolo? Mossa stupida. Mi fate vedere un popup che mi chiede di iscrivermi da qualche parte prima ancora che io veda l’articolo che sono venuto qui per leggere? Mossa stupida. Urlarmi di mettere un “Mi piace” su Facebook al vostro articolo quando posso decidere da solo se l’articolo mi è piaciuto o meno? Mossa stupida. Imparate a capire cosa vuol dire essere rispettosi e cosa vuol dire essere stupidi.
  • Non fate sì che i numeri vi guidino. I numeri sono arbitrari e sostanzialmente inutili. Quanti lettori avete? Non lo sa nessuno, e alla fine il numero di lettori non è importante come quanto ai lettori interessano i vostri articoli, quanto i vostri articoli li hanno aiutati, quanto si fidano di voi, quanto entusiasti sono. Nemmeno le pageview contano, o i fan su Facebook, i follower su Twitter o gli iscritti alla vostra mailing list. Invece di preoccuparvi dei numeri, buttatevi nel lavoro e create valore in voi stessi, aiutate le altre persone quanto più potete e amate quello che state facendo. I numeri arriveranno di conseguenza.
  • Fare e amare sono ciò che conta. Molti si concentrano sulla crescita, sul raggiungere gli obiettivi o sul fare soldi, ma si dimenticano cosa importa davvero. Ciò che conta è amare quello che state facendo. Se lo fate, state già avendo successo. Non preoccupatevi troppo di raggiungere determinati livelli di successo: le persone fanno così tanti sforzi per raggiungerli che si dimenticano di godersi quello che stanno facendo e, in tutto questo, dimenticano il motivo per cui lo stanno facendo.
  • Sognate in grande. Una volta superata la paura iniziale e diventati bravi a fare qualcosa, iniziate a sognare in grande. Il primo step è fare piccoli passi, ma non fermatevi lì. Potete cambiare delle vite. Potete cambiare il mondo. E farlo cambierà anche voi.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: