Dormire come bambini

I problemi di sonno possono essere un grande peso per la felicità: se non si dorme bene, durante il giorno non si rende a dovere.

Oggi un lettore ha chiesto: “Voglio passare meno tempo a rotolarmi a letto e più tempo a dormire. Voglio tornare come un bambino. Aiuto!”

Adoro l’immagine di tornare a essere bambini: nella mia testa, non evoca solo un sonno pacifico (anche se in realtà non è così per molti bambini), ma tornare magicamente a essere bambino, spensierato, senza le preoccupazioni che normalmente ci affliggono e ci tengono svegli di notte.

Non ho la pillola magica che vi farà tornare bambini, ma posso darvi una mano con il sonno. Più volte ho cambiato gli schemi del sonno, e so che può essere difficile. Dormire è una parte importante del ritmo del corpo, ed è una delle abitudini più difficili da cambiare. Detto ciò, si può comunque cambiarla.

Problemi di sonno

Vediamo alcuni dei problemi che fanno rotolare la gente nel letto (ma non in senso buono!):

  • Non si è ancora stanchi — lo schema del sonno è impostato in modo che, se normalmente andate a letto tardi, andando a letto presto non sarete stanchi e non riuscirete ad addormentarvi.
  • Troppo stanchi — è possibile essere così esausti da non riuscire a dormire. Questo tende comunque a essere un problema meno frequente del non essere stanchi abbastanza.
  • Preoccupazioni — avete qualcosa che vi ronza in testa e non vi addormentate. A volte perché ripensate a qualcosa che è successo o a qualcosa che qualcuno ha detto, altre volte sono le preoccupazioni di qualcosa che sta per succedere.
  • Computer — se siete al computer a letto, potreste essere stanchi senza riuscire ad addormentarvi perché la mente non è rilassata.

Ci sono altri problemi, ma ho notato che questi sono i più comuni. Vediamo cosa di può fare.

La formula per diventare bambini

Come possiamo risolvere i problemi descritti sopra e dormire come bambini? Non ho tutte le risposte, ma qui c’è qualcosa che per me ha funzionato:

  1. Esercizio. Un buon allenamento, una corsa, un giro in bici o una nuotata vi faranno stare bene e vi stancheranno. Una buona sessione di yoga è fantastica, perché vi permette di fare contemporaneamente pratica di consapevolezza. Anche se l’allenamento è di mattina presto, normalmente vado a letto sentendo il corpo stanco e non vedo l’ora di riposare. Non fate mai allenamento prima di andare a dormire.
  2. Alzarsi presto. Potete cambiare i ritmi di sonno del vostro corpo iniziando pian piano a svegliarvi sempre prima. Per una settimana provate a svegliarvi 15 minuti prima del normale, poi altri 15. Se vi alzate presto, durante il giorno sarete un po’ stanchi e, quando sarà ora di andare a dormire, vi godrete il riposo.
  3. Create un rituale per andare a letto. Serve tempo per rilassare il corpo e la mente. Almeno un’ora prima di dormire, iniziate a rallentare. Spegnete il computer. Passatevi il filo e lavatevi i denti. Ritirate quello che avete usato durante la sera. Stendetevi e leggete (non su un computer). Questo tipo di rituale vi aiuta a far capire alla vostra testa che è ora di dormire, e il vostro corpo inizierà a prepararsi.
  4. Usate la vostra stanza solo per dormire. Non mangiate, non guardate la TV, non usate il computer. Non fate nient’altro nella vostra stanza (Ok, l’altra attività va bene!). Fate tutto il resto in sala e nelle altre stanze così, quando andrete a letto, avrete solo una cosa da fare. Assicuratevi anche che la stanza sia buia: il corpo reagisce alla luce.
  5. Concentrate l’attenzione. Una volta fatto il rituale e iniziato il rilassamento, con il corpo stanco, dovrete calmare la mente. Il mio trucco è questo: chiudete gli occhi e visualizzate la prima cosa che avete fatto oggi. Potrebbe essere, ad esempio, aprire gli occhi e uscire dal letto. Poi visualizzate la seconda cosa che avete fatto: magari andare in bagno e lavarvi la faccia, o bere un bicchiere d’acqua. Poi avete bevuto il caffè, ma prima avete dovuto prepararlo. Visualizzate nel dettaglio ognuna di queste cose. Non riesco mai a ripensare a più della prima ora della mia giornata senza addormentarmi.
  6. Cambiate lentamente. Siate pazienti con le modifiche al sonno: sono difficili perché, quando siamo stanchi, la testa non è disciplinata e incline al cambiamento. Corpo e mente vogliono fare quello che sono abituati a fare. Ma, se cambiate un po’ per volta e vi perdonate se fate un po’ di casino (fra l’altro, non c’è alcun casino), un po’ alla volta ce la farete.

Spero che questo vi sia d’aiuto. Ammetto che nemmeno io dormo sempre bene: a volte faccio fatica ad addormentarmi ma, quando uso questi metodi, riesco sempre a risolvere i problemi di sonno.

Il sonno è una benedizione che auguro davvero a tutti, anche a te che stai leggendo. È un riposo essenziale che ci aiuta a essere davvero svegli quando inizia ognuna delle nostre fantastiche giornate.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: